Luce sul sentiero http://www.lucesulsentiero.it/wp Assemblee di Dio in Italia CHIESA CRISTIANA EVANGELICA Casale Monferrato (AL) & Tortona (AL) Wed, 03 Oct 2018 07:50:17 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.8 http://www.lucesulsentiero.it/wp/wp-content/uploads/2015/12/cropped-logo_sun-70x70.png Luce sul sentiero http://www.lucesulsentiero.it/wp 32 32 Ricevere Gesù Cristo http://www.lucesulsentiero.it/wp/ricevere-gesu-cristo/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/ricevere-gesu-cristo/#respond Wed, 03 Oct 2018 07:50:17 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1130 “Ma a tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio…” [Giovanni 1:12] Che cosa intende lo scrittore con l’espressione “ricevere”? Non sta ovviamente parlando di un’accettazione passiva e teorica, ma di una reale e dinamica accoglienza del Signore nella propria vita. Non è sufficiente sapere da un punto ...

L'articolo Ricevere Gesù Cristo sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
ricevere cuore amore“Ma a tutti quelli che l’hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio…” [Giovanni 1:12]

Che cosa intende lo scrittore con l’espressione “ricevere”? Non sta ovviamente parlando di un’accettazione passiva e teorica, ma di una reale e dinamica accoglienza del Signore nella propria vita. Non è sufficiente sapere da un punto di vista nozionistico chi è Gesù, ma bisogna invitarLo, accettarLo e accoglierLo in noi, offrendoGli fissa dimora nel cuore.
Si riceve Cristo accogliendo la Sua Parola in noi, la Bibbia. Significa leggerla e meditarla attentamente per mettere in pratica i Suoi insegnamenti al meglio delle nostre possibilità.

La conoscenza di Dio e della Sua Parola sono realtà inseparabili, l’una senza l’altra non hanno senso.
Ricevere Gesù significa accogliere “l’Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo”, sperimentando il perdono dei propri peccati grazie al Suo sacrificio compiuto sulla croce del Calvario.
Ricevere Gesù significa accoglierLo come Figlio di Dio, unico vero Dio eterno e immutabile, sottomettendo al Suo regno e alla Sua signoria l’intera nostra vita.
Eccolo, allora, scaturire pienamente quel “diritto di diventare figli di Dio”, quando si apre la porta a Gesù.

Essere un figlio di Dio significa essere in pace con Lui,  godere di una straordinaria relazione padre-figlio e avere una meravigliosa eredità nel cielo.

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo Ricevere Gesù Cristo sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/ricevere-gesu-cristo/feed/ 0
Gioia incondizionata http://www.lucesulsentiero.it/wp/gioia-incondizionalta/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/gioia-incondizionalta/#respond Mon, 24 Sep 2018 07:00:23 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1125 Tu m’hai messo in cuore più gioia di quella che essi provano quando il loro grano e il loro mosto abbondano (Salmo 4:7) E’ iniziata in questi giorni, nello stato di Israele, la festa delle capanne. Quella famosa festa ebraica prevista anche nella Bibbia che celebra la bontà di Dio verso Israele per come se ...

L'articolo Gioia incondizionata sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
gioiaTu m’hai messo in cuore più gioia di quella che essi provano quando il loro grano e il loro mosto abbondano (Salmo 4:7)

E’ iniziata in questi giorni, nello stato di Israele, la festa delle capanne. Quella famosa festa ebraica prevista anche nella Bibbia che celebra la bontà di Dio verso Israele per come se ne prende cura. All’epoca si festeggiava la fine del raccolto e in particolare di grano e uva, prodotti agricoli importanti per l’economia del paese. Oggi la festa non ha più quel carattere agricolo, ma la felicità espressa per la bontà di Dio ci fa comprendere meglio le parole di questo verso del salmo 4 che vi proponiamo.

Fa parte della natura umana collegare la propria gioia alle circostanze della vita e a tutte quelle cose favorevoli che la determinano. Festeggiare è una realtà molto piacevole della vita di tutti gli uomini.  Si è allegri ed euforici dopo aver superato un esame, dopo aver raggiunto delle mete tanto ambite o perchè si può constatare una certa prosperità nella propriva vita materiale e affettiva.

La Bibbia, tuttavia, in molti testi, ci spiega che questo tipo di “gioia” è temporanea e passeggera che poi generano inevitabilmente nell’animo umano un senso di insoddisfazione. Si vuole sempre di più. Si cerca una gioia che non finisca mai.
Il Salmista afferma che la sua gioia non dipende dalla sua ricchezza, misurata nell’antichità dall’abbondanza di grano o del mosto, nè dalla buona salute e neppure dall’assenza di difficoltà quotidiane. La sua gioia dipendeva dalla presenza di Dio nella sua vita.
Anche l’ap. Paolo sperimentò questo tipo di gioia e con questo sentimento nel cuore, all’interno di una fredda prigione, potè scrivere ai credenti della chiesa in Filippi queste parole: “Rallegratevi sempre nel Signore. Ripeto: rallegratevi” (Filippesi 4:4).

Questa gioia infinita, indipendente dalle circostanze e dal tuo cuore… può essere tua se credi nella persona di  Gesù Cristo.
Se non lo hai ancora fatto ADESSO, mentre ci stai leggendo…  lascia entrare Cristo nella tua vita per avere quella gioia indescrivibile, duratura e meravigliosa… che solo Lui sa donare!

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo Gioia incondizionata sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/gioia-incondizionalta/feed/ 0
Mai abbandonati http://www.lucesulsentiero.it/wp/mai-abbandonati/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/mai-abbandonati/#respond Mon, 10 Sep 2018 12:51:08 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1121 “Perseguitati, ma non abbandonati; atterrati ma non uccisi” – 2 Corinzi 4:9 Il dolore, la perplessità, la debolezza, lo scoraggiamento sono realtà che, a detta di alcuni, i cristiani non conoscono. L’opinione comune è che i cristiani evangelici vivano in un mondo tutto loro al di fuori delle grandi tragedie della vita. Al contrario, l’apostolo ...

L'articolo Mai abbandonati sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
abbandonati“Perseguitati, ma non abbandonati; atterrati ma non uccisi” – 2 Corinzi 4:9

Il dolore, la perplessità, la debolezza, lo scoraggiamento sono realtà che, a detta di alcuni, i cristiani non conoscono. L’opinione comune è che i cristiani evangelici vivano in un mondo tutto loro al di fuori delle grandi tragedie della vita.

Al contrario, l’apostolo Paolo in questo bellissimo brano della scrittura, descrive le condizioni nom sempre facili che il credente sperimenta: tribolazione, afflizione, persecuzione, abbattimento… e in alcuni casi l’apostolo è stato anche testimone del martirio di suoi cari amici. È meraviglioso notare, però, che queste esperienze hanno un limite: si fermano davanti alla “roccia” della grazia di Dio, della potenza del Signore. C’è un limite oltre il quale il problema non va, un limite posto da Dio stesso che è sovrano sulle situazioni.

E’ scritto che coloro i quali scelgono di mettere la propria fede in Cristo Gesù e nell’evangelo, sono paragonati a  vasi di terra all’interno dei quali Dio può porre un tesoro meraviglioso, in modo che si possa manifestare in loro la potenza divina  ( 2 Corinzi 4:7). Come le onde del mare, anche le più alte e furiose, non possono spostare la roccia su cui si infrangono, cosí il credente vedrà in maniera gloriosa la sovranità di Dio che lo custodisce nei problemi gravi e difficili della vita. La Sua potenza non permetterà che i suoi figli siano abbandonati e uccisi.

Caro lettore, se  vivi nel tuo cuore o nelle situazioni intorno a te, una brutta tempeste; se sei colpito da un grande dolore o una grave malattia e stai attraversando un momento molto difficile:  affidati al tuo Salvatore Cristo Gesù (Salmo 91:15). Egli sarà per te quella roccia che ti permetterà di non essere spazzato via dalle situazioni negative. Il Signore non lascerà che l’anima tua scivoli nel baratro della disperazione. Egli non ti lascerà e non ti abbandonerà. Anzi, te ne trarrà fuori e tu Lo glorificherai (Salmo 50:15).

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo Mai abbandonati sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/mai-abbandonati/feed/ 0
Il pane della vita http://www.lucesulsentiero.it/wp/pane/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/pane/#respond Mon, 20 Aug 2018 11:01:37 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1116 “Gesù disse loro: Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà mai più sete” [Giovanni 6.35] Il pane, fin dai tempi antichi, è l’alimento base per la vita. L’importanza simbolica che ha il pane nella vita dell’uomo è ben espressa nella Bibbia ...

L'articolo Il pane della vita sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
Pane

“Gesù disse loro: Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà mai più sete” [Giovanni 6.35]

Il pane, fin dai tempi antichi, è l’alimento base per la vita. L’importanza simbolica che ha il pane nella vita dell’uomo è ben espressa nella Bibbia e le parole di Gesù rivelano un significato fondamentale anche per noi oggi. Qui Egli si riferisce al pane celeste, che soddisfa la fame spirituale dell’uomo, la Sua parola che non soltanto ci rivela la volontà di Dio, ma fa realizzare il ristoro più profondo della comunione con Lui, provvedendo il vigore e la virtù per praticarla.

Questo pane è il Figlio di Dio stesso, la Parola fatta carne per la nostra redenzione. Gesù, ancora, aggiungerà: “Io sono il pane vivente, che è disceso dal cielo; se uno mangia di questo pane vivrà in eterno” (Giovanni 6:51). Egli è il “frumento schiacciato” (Isaia 28:28), “l’oblazione di cibo cotta al forno” (Levitico 2:4). Cristo, parlando della Sua morte, poté dire: “Questo è il mio corpo che è dato per voi” (I Corinzi 11:24).

Avendo preso su Sé il giudizio di Dio, soltanto Lui è in grado di garantirci il favore e la benedizione del Padre. Essendo stato schiacciato, cotto e offerto per noi, il Signore Gesù divenne il pane della vita. Rivolgiti a Lui, ringraziaLo per aver dato la Sua vita anche per te e chiediGli di cibare il tuo cuore con il Suo perdono.

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo Il pane della vita sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/pane/feed/ 0
Gridare a Gesù http://www.lucesulsentiero.it/wp/gridare-a-gesu/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/gridare-a-gesu/#respond Thu, 19 Jul 2018 06:54:50 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1112 “Ma vedendo il vento, ebbe paura; e cominciando a sommergersi, gridò: Signore, salvami!” (Matteo 14:30) Pietro, sceso in piena notte dalla barca dove si trovava con gli altri discepoli, comincia a camminare sulle acque del lago in tempesta mantenendo lo sguardo fisso su Gesù. È un miracolo meraviglioso, originato dalla fede che Pietro pose su ...

L'articolo Gridare a Gesù sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
Gridare

“Ma vedendo il vento, ebbe paura; e cominciando a sommergersi, gridò: Signore, salvami!” (Matteo 14:30)

Pietro, sceso in piena notte dalla barca dove si trovava con gli altri discepoli, comincia a camminare sulle acque del lago in tempesta mantenendo lo sguardo fisso su Gesù. È un miracolo meraviglioso, originato dalla fede che Pietro pose su Gesù che gli disse:”Vieni!”, poi, però, distoglie lo sguardo dal Signore e comincia a rivolgerlo alla tempesta ed ha paura.

Forse anche tu un giorno hai iniziato a seguire Cristo con slancio, gioia, e fede ed hai visto la Sua presenza straordinaria nella tua vita. Con entusiasmo sei stato pronto ad affrontare ogni tipo di difficoltà, pieno di forze.

Ora, però, hai abbassato il tuo sguardo sulle correnti avverse; i problemi di ogni giorno, le difficoltà della vita, ed inizi ad aver paura di non farcela. Con il versetto di oggi il Signore ti vuole incoraggiare e spingere a riflettere su come il Signore non permise che Pietro affondasse  nelle acque tempestose per un istante di debolezza.   Pietro realizzò un altro grande miracolo, anche se forse meno evidente: il discepolo non cadde immediamente in acqua, ma affondava miracolosamente piano. Ebbe il tempo necessario per rendersi conto della sua situazione e gridare a Gesù la preghiera più breve ma forse più “efficace” di tutta la Bibbia:” Signore, salvami!”.

Cristo dà anche a te oggi la possibilità di gridare a Lui e, come con Pietro, stenderà subito la Sua mano e ti afferrerà! Nelle tue angoscie, paure e debolezze… lasciati afferrare da Cristo!

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo Gridare a Gesù sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/gridare-a-gesu/feed/ 0
Il sostituto divino http://www.lucesulsentiero.it/wp/il-sostituto-divino/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/il-sostituto-divino/#respond Tue, 10 Jul 2018 14:05:38 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1108 “…il castigo per cui abbiamo pace, è caduto su di lui…” Isaia 53:5 La descrizione del sacrificio di Gesù, fatta dal profeta Isaia otto secoli prima che questo avvenisse, è di un attualità straordinaria. Nelle parole del nostro testo è annunziata e rivelata una verità fondamentale della divina opera di redenzione, ossia il fatto che ...

L'articolo Il sostituto divino sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
sostituto

“…il castigo per cui abbiamo pace, è caduto su di lui…” Isaia 53:5

La descrizione del sacrificio di Gesù, fatta dal profeta Isaia otto secoli prima che questo avvenisse, è di un attualità straordinaria. Nelle parole del nostro testo è annunziata e rivelata una verità fondamentale della divina opera di redenzione, ossia il fatto che Gesù è il sostituto di ogni essere umano nella condanna che ad essi è riservata a causa del peccato.

La legge divina, immutabile ed eterna, sentenzia, infatti, che: “…il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore” (Romani 6:23). La morte di Gesù sulla croce non fu il fallimento della Sua missione, né il nobile gesto di un martire idealista, ma una scelta consapevole di morire al nostro posto, prendendo su di sè la terribile condanna per il peccato: “Cristo ha sofferto una volta per i peccati, lui giusto per gli ingiusti, per condurci a Dio. Fu messo a morte…” (1 Pietro 3:18). Come conseguenza di questo sacrificio, il colpevole che si ravvede può sperimentare la pace con il Signore, dal quale il peccato lo teneva separato.

Ecco perchè il rifiuto di questa straordinaria offerta di salvezza non potrà mai trovare comprensione e misericordia davanti al Signore:” Come scamperemo noi, se trascuriamo una cosí grande salvezza?…” (Ebrei 2:3). Ascolta l’invito divino: accetta questa offerta e non te ne pentirai.

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo Il sostituto divino sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/il-sostituto-divino/feed/ 0
Nel deserto… con Dio http://www.lucesulsentiero.it/wp/nel-deserto-dio/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/nel-deserto-dio/#respond Fri, 29 Jun 2018 13:41:34 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1104 “Perciò, ecco, io l’attrarrò, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore” [Osea 2:14] Nonostante Israele si sia dimenticato del Signore, Egli desidera ancora manifestare tutto il Suo amore paterno nei confronti di un popolo dal cuore traviato. I pensieri e le vie della compassione divina sono infinitamente al di sopra dei nostri. Dio ...

L'articolo Nel deserto… con Dio sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
deserto“Perciò, ecco, io l’attrarrò, la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore” [Osea 2:14]

Nonostante Israele si sia dimenticato del Signore, Egli desidera ancora manifestare tutto il Suo amore paterno nei confronti di un popolo dal cuore traviato. I pensieri e le vie della compassione divina sono infinitamente al di sopra dei nostri. Dio deve necessariamente condurre i Suoi nel deserto.

Soltanto lì, nella solitudine e nel silenzio, potranno realizzare una profonda e speciale comunione con Lui. È nel deserto, lontani dai rumori e dagli impegni di questo mondo, che . Non rifiutiamoci di seguirLo!

Con Cristo, anche il deserto diventa un giardino e con Lui accanto non temeremo la sete, perché Egli è la nostra inesauribile sorgente d’acqua viva. Non patiremo il calore del sole, perché Egli è la nostra ombra. Camminando con Gesù non soccomberemo per la fame, perché Egli è il pane disceso dal cielo. Rassicurati dalla luce della Parola di Dio, non saremo atterriti dagli spaventi notturni, perché Egli è il nostro Buon Pastore.

Amico, se stai attraversando momenti difficili dovuti proprio ai tuoi deserti, fermati: disponiti all’ascolto dell’amorevole voce di Dio che parlerà al tuo cuore e si prenderà cura di te.

L'articolo Nel deserto… con Dio sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/nel-deserto-dio/feed/ 0
La forza di gridare http://www.lucesulsentiero.it/wp/la-forza-di-gridare/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/la-forza-di-gridare/#respond Sat, 26 May 2018 09:06:36 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1098 “Ed ecco una donna cananea di quei luoghi venne fuori e si mise a gridare…” [Matteo 1:22] Gridare. Quante grida si elevano ogni giorno. Per svariati motivi, più o meno leciti e ragionevoli, laddove non arriviamo con le normali parole pensiamo di poter raggiungere l’obiettiva con il nostro gridare. Proprio come la donna descritta da ...

L'articolo La forza di gridare sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
Gridare

“Ed ecco una donna cananea di quei luoghi venne fuori e si mise a gridare…” [Matteo 1:22]

Gridare. Quante grida si elevano ogni giorno. Per svariati motivi, più o meno leciti e ragionevoli, laddove non arriviamo con le normali parole pensiamo di poter raggiungere l’obiettiva con il nostro gridare.

Proprio come la donna descritta da questo versetto della Bibbia, esclusa per motivi etnici dalla possibilità di vedere Gesù. Quando udì che il Signore passava nella sua città, uscì da casa sua e cominciò a gridare implorando la Sua pietà per la figlia gravemente tormentata.

Ti invitiamo ad avere la stessa passione e zelo verso Colui che può ogni cosa.

A volte lanciamo invano il nostro grido verso persone o istituzioni che non possono aiutarci veramente, così le nostra urla s’infrangono sul muro del disinteresse o dei limiti umani e della scienza. Questa donna si era sgolata invocando l’aiuto per la figlia, ma senza ricevere risposta. Non aveva però perso la speranza, né la voce, perché la figlia era, per lei, la cosa più importante. Trovò la forza di gridare ancora una volta! Nonostante le opposizioni dei discepoli che volevano cacciarla dalla presenza di Gesù, ella gridò: “Signore, aiutami!”. Proprio quando sembrava che anche quel grido cadesse nell’oblio, ecco che Cristo premia la sua fede.

In antichità, molti anni prima di questo episodio biblico del nuovo testamento, un antico re del popolo di Giuda stava combattendo in una terribile battaglia. Il re suo alleato lo aveva ingannato e lo aveva esposto ai suoi nemici mentre lui era al sicuro nelle retrovie. Parliamo di re Giosafat che nel mezzo della battaglia, proprio quando era accerchiato e non aveva più speranze… trovò le forze per gridare a Dio (2 Cronache 18:31)

Anche se sei stanco, accerchiato dai nemici e nel tempo tante delle tue grida si sono dissolte nel vuoto, trova oggi  la forza di gridare ancora, ma al Signore! Gesù risponderà presto.

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo La forza di gridare sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/la-forza-di-gridare/feed/ 0
Venite e discutiamo http://www.lucesulsentiero.it/wp/venite-e-discutiamo/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/venite-e-discutiamo/#respond Fri, 04 May 2018 20:44:14 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1093 “Poi venite e discutiamo, dice il Signore: anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come la neve; anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come la lana”. (Isaia 1:18) L’uomo, per natura, è apatico verso Dio. Vive lontano da Lui e pensa a tante cose tranne che al Signore. I suoi desideri ...

L'articolo Venite e discutiamo sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>

discutiamo“Poi venite e discutiamo, dice il Signore: anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come la neve; anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come la lana”. (Isaia 1:18)

L’uomo, per natura, è apatico verso Dio. Vive lontano da Lui e pensa a tante cose tranne che al Signore. I suoi desideri e interessi sono volti verso cio che è inutile e spesso anche pericoloso, alla ricerca del proprio piacere e basta.

Il Signore, invece, è interessato a ciascun uomo perchè lo ama, lo cerca e si rivela come Colui che vuole operare nella vita di chiunque si accosta a Lui. Vieni e discutiamo. Oggi, devi fermare i tuoi passi e riconoscere il tuo bisogno di Dio. Puoi discutere con Lui, confidarti con Lui, confessare il tuo peccato, le tue difficoltà, ogni tuo bisogno; forse finora non lo hai mai fatto!

Comprenderai che Cristo Gesù, per mezzo del Suo sangue, può cancellare il tuo peccato, purificarti da ogni colpa e donarti vita eterna. Dopo questo, una volta che sarai Suo figlio, gusterai ogni giorno le Sue benedizioni, assaggiando “…i frutti migliori del paese” (Isaia 1:19), le benedizioni celesti in Cristo. Oggi, a te la scelta: rimanere con chi non crede in Dio, che non si preoccupa di andare a Lui, oppure accogliere il Suo invito e decidere di andare e discutere con Lui per sperimentare le Sue infinite ricchezze. Vieni e discutiamo! Confessa il tuo bisogno del perfetto Redentore e godrai ciò che è veramente buono: l’aiuto del Signore, il Suo amore, la Sua grazia.

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo Venite e discutiamo sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/venite-e-discutiamo/feed/ 0
Superficialità http://www.lucesulsentiero.it/wp/superficialita/ http://www.lucesulsentiero.it/wp/superficialita/#respond Fri, 20 Apr 2018 21:14:00 +0000 http://www.lucesulsentiero.it/wp/?p=1089 “Allora Lot uscì, parlò ai suoi generi che avevano preso le sue figlie,e disse: ‘Alzatevi, uscite da questo luogo, perché il Signore sta per distruggere la città’. Ma ai suoi generi parve che volesse scherzare” (Genesi 19:14) È terrificante, ma i generi di Lot pensarono che il suocero volesse scherzare. Questa superficialità costò loro la ...

L'articolo Superficialità sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
superficialità

“Allora Lot uscì, parlò ai suoi generi che avevano preso le sue figlie,e disse: ‘Alzatevi, uscite da questo luogo, perché il Signore sta per distruggere la città’. Ma ai suoi generi parve che volesse scherzare” (Genesi 19:14)

È terrificante, ma i generi di Lot pensarono che il suocero volesse scherzare. Questa superficialità costò loro la vita. Probabilmente i generi non credevano al Dio di Lot, quindi nemmeno alle sue parole. Per quanto egli li supplicasse, non lo presero sul serio. Probabilmente pensarono che il vecchio suocero non era altro che un profeta di sventura. L’ira di Dio, però, manifestò il giudizio contro quella città, sentenza che condannò anche loro.
A dispetto di tutto quello che succede nel mondo, la gente è propensa a credere che le cose prima o poi si aggiusteranno, quindi, perché prepararsi? Perché prendere sul serio certi discorsi che ci rendono tristi? Molto meglio non pensarci.

Sarebbe invece saggio domandarsi: perché attirarsi l’ira di Dio, quando con molta semplicità si può essere salvati per mezzo di Cristo Gesù? Egli è morto ed è risuscitato affinché tu abbia la vita eterna. Dio non desidera la tua perdizione, ma la tua salvezza. Gesù disse: “Chi ascolta la mia parola e crede a Colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita” (Giovanni 5:24). Cristo non scherza, Egli ti vuole e ti può salvare. Prendi sul serio la Sua Parola e metti in salvo la tua vita.

Tratto da “la parola giorno per giorno” ADI MEDIA

L'articolo Superficialità sembra essere il primo su Luce sul sentiero.

]]>
http://www.lucesulsentiero.it/wp/superficialita/feed/ 0