Perdono fra fratelli

Esaù odiava Giacobbe, …. (Genesi 27:41);
Poi Isacco spirò, morì e fu riunito al suo popolo, vecchio e sazio di giorni; Esaù e Giacobbe, suoi figli, lo seppellirono
(Genesi 35:29)

Esaù e Giacobbe sono fratelli, più precisamente gemelli. Esaù, diventerà un cacciatore, mentre, Giacobbe preferirà rimanere nelle tende. La loro vita familiare, con Isacco e Rebecca, sarà fortemente segnata dall’odio: Esaù odiava Giacobbe, …. (Genesi 27:41). L’odio sorge nel cuore di Esaù verso Giacobbe, dopo che la benedizione del padre Isacco fu data a Giacobbe, il quale, per riceverla si era travestito con gli abiti di suo fratello. Esaù rientrato per ricevere la benedizione scopre l’imbroglio messo in atto da Giacobbe. Da questo momento, Esaù proverà un forte odio nei confronti di Giacobbe, che sarà costretto a fuggire, perché il fratello lo vuole morto. Giacobbe lascerà la casa paterna e andrà a vivere per circa venti anni presso lo zio Labano, nella Mesopotamia settentrionale. Ritroviamo i due gemelli, Esaù e Giacobbe, in pace e senza alcun odio, nel giorno del decesso del loro padre: Poi Isacco spirò, morì … Esaù e Giacobbe, suoi figli, lo seppellirono (Gen. 35:29). Da circa venti anni da quella fuga, Dio richiama Giacobbe a ritornare in Canaan, dove incontrerà Esaù. L’incontro sarà riconciliante tra i due gemelli, perché nella notte precedente Giacobbe aveva incontrato Dio ricevendo il Suo perdono.

Carissimi, quanti non riescono a perdonare i loro fratelli e non riescono a vivere più insieme, anche davanti alla morte di un genitore! Con il perdono di Dio riusciamo, prima che la nostra vita terrena si chiuda, a perdonare il nostro fratello e a trasformare l’odio in perdono.

Dio ci benedica!

A cura del Past. Dott. Antonino Carlo Manuguerra

Print Friendly, PDF & Email

Se ti piace, condividilo!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*